Universita' per Stranieri di Perugia
Centro Valutazione Certificazione Linguistiche
  • home
  • contatti
extranetCvcl
categoria

Regolamento CELI

indietro

    1. NORMATIVA GENERALE

    Questa prima parte del Regolamento, dedicata alla normativa generale, fornisce ai singoli candidati e ai Centri d’esame indicazioni relative alle varie fasi degli esami CELI (dall’iscrizione alla fase di rilascio dei certificati).

    Il CVCL (Centro per la Valutazione e le Certificazioni Linguistiche) si riserva il diritto di apportare cambiamenti a questa parte del Regolamento dove e quando ritenuti necessari.

    I Centri d’esame sono tenuti a consultare regolarmente lo spazio loro dedicato nella pagina web del CVCL per assicurarsi di essere in possesso dell’ultima versione del Regolamento.
    Si consiglia vivamente anche ai candidati, sia che abbiano seguito un corso di preparazione agli esami, sia che si presentino come privatisti, di consultare regolarmente il sito web della Certificazione, per ottenere ogni tipo di informazione utile sugli esami.
    Eventuali cambiamenti al Regolamento degli esami verranno comunque annunciati nella sezione News del portale web del CVCL www.cvcl.it

    1.1 Candidati

    Gli esami CELI del CVCL dell’Università per Stranieri di Perugia sono concepiti per candidati di lingua madre diversa dall’italiano.
    Possono tuttavia accedere agli esami CELI anche candidati di lingua madre italiana, ai quali venga ad esempio richiesto un certificato di conoscenza della lingua italiana per lavorare all’estero.

    1.2  Restrizioni

    L’accesso agli esami CELI per adulti è consentito solo al compimento del 16 esimo anno di età. Al di sotto di tale soglia, a partire dal 13 esimo anno di età e fino al compimento del 18 esimo anno è possibile iscriversi  agli esami CELI Adolescenti.
    Per gli esami CELI adolescenti è prevista una sessione nel mese di maggio di ogni anno. Il formato degli esami non varia, ma variano ovviamente i contenuti.

    Non è consentito iscriversi a più di un livello di esame nella stessa sessione.


    1.3  Sessioni d’esame

    Le sessioni d’esame al momento previste nel corso dell’anno per tutti i 6 livelli d’esame sono due: sessione estiva (nel mese di giugno) e sessione autunnale (nel mese di novembre). È prevista una sessione primaverile per il CELI Impatto, CELI 1, CELI 2 e CELI 3 nel corso del primo quadrimestre di ogni anno. È prevista una sessione nel mese di maggio per i CELI adolescenti e una o più sessioni per i CELI immigrati secondo un calendario fissato di anno in anno.
    Gli esami hanno luogo contemporaneamente, fusi orari permettendo, presso i Centri d’esame nel mondo, Italia compresa, nonché presso l’Università per Stranieri di Perugia nelle date indicate dal CVCL.

    1.4  Iscrizioni

    Le domande d’iscrizione devono essere presentate tramite l’apposito modulo presso il Centro d’esame scelto dal candidato e non devono essere inviate al CVCL, se non nel caso dei candidati che intendano sottoporsi agli esami di Certificazione presso lo stesso CVCL. Contestualmente alla presentazione della domanda e al fine di completare la procedura d’iscrizione, i candidati devono pagare presso il Centro d’esame scelto la tassa d’esame.
    Il Centro provvederà a controllare che la domanda d’iscrizione sia stata debitamente compilata e che i dati anagrafici dei singoli candidati siano stati correttamente indicati. Fornirà inoltre ai candidati indicazioni sulle modalità di pagamento della tassa d’esame e controllerà che il pagamento della tassa sia regolare e corrisponda all'importo dovuto.
    Il Centro d’esame provvederà infine ad inviare al CVCL il DataBase access con l’archivio dei candidati entro la data di scadenza e secondo modalità indicate dallo stesso CVCL in apposite circolari, pubblicate nell’area riservata ai Centri, prima di ciascuna sessione.
    Il Centro d’esame è tenuto ad assicurarsi che il DataBase access sia correttamente pervenuto al CVCL, in osservanza di quanto indicato nelle sopraddette circolari.
    Il Centro d’esame è tenuto ad accettare tutte le domande purché presentate entro le date di scadenza e purché rispondano a quanto sopra esposto in materia di iscrizione agli esami.

     

    1.5  Date di scadenza delle iscrizioni

    La scadenza delle iscrizioni agli esami CELI è regolata dai singoli Centri d’esame.

    1.6  Date degli esami

    Le date degli esami per l’anno in corso sono indicate nel sito web del CVCL.

    1.7  Tassa d’esame

    L’importo della tassa d’esame è regolato dalle convenzioni stipulate dal CVCL con i singoli Centri d’esame; deve essere dunque richiesto presso il Centro d’esame. La riscossione della tassa d’esame avviene a cura del Centro contestualmente alla presentazione della domanda d’iscrizione. L’importo della tassa per coloro i quali si iscrivano per ripetere parte dell’esame (prova scritta o prova orale) è ridotto del 30%.

     

    1.8  Candidati

    I candidati agli esami CELI vengono identificati oltre che dal nome e cognome e dati personali da un numero di matricola che viene generato automaticamente una volta pervenute le iscrizioni al CVCL. Per conoscere la propria matricola i candidati, trascorsi un minimo di venti (20) giorni dalla scadenza delle iscrizioni fissata dal CVCL, potranno farne richiesta al Centro d’esame; coloro che abbiano segnalato, nel modulo di iscrizione, il proprio indirizzo di posta elettronica riceveranno comunicazione direttamente al medesimo.

    Una volta assegnato, i candidati devono conservare il proprio numero di matricola e utilizzare sempre lo stesso anche per eventuali successive iscrizioni agli esami CELI. Qualora il candidato non ricordi il proprio numero di matricola precedentemente assegnato può farne richiesta al CVCL.

    Il Centro d’esame provvederà ad informare i candidati, nelle forme che riterrà più idonee, del luogo e dell’ora degli esami scritti ed orali.
    I candidati devono dimostrare la propria identità con un documento valido e non scaduto sia agli esami scritti sia agli esami orali.
    I candidati, prima dello svolgimento delle prove scritte, devono controllare che il proprio  cognome, nome e gli ulteriori dati anagrafici siano stati correttamente inseriti nel proprio “foglio di identificazione” che viene loro consegnato unitamente ai fogli delle risposte.
    In caso di errori, il candidato dovrà provvedere a correggere il dato o i dati anagrafici inesatti riscrivendoli nell’apposito spazio sottostante.
    Il CVCL declina ogni responsabilità per eventuali errori conseguenti ad inesattezze non debitamente segnalate. L’errato inserimento dei dati anagrafici comporta necessariamente un’errata trascrizione dei medesimi dati del candidato nel certificato rilasciato a seguito del superamento dell’esame. Richieste di correzioni comportano la stampa e la spedizione di un nuovo certificato con costi aggiuntivi a carico del candidato, pari a € 10,00.

    I candidati sono tenuti, altresì, a controllare di aver reinserito tutti i fogli delle risposte nella apposita busta.
    Nel caso di fogli mancanti, il CVCL procede all’annullamento dell’esame sia scritto sia orale

    1.9  Casi di malattia


    Qualora un candidato non possa sostenere l’esame perché malato è tenuto a presentare un certificato medico a giustificazione della propria assenza e potrà presentarsi solamente alla sessione d’esame immediatamente successiva con esonero del pagamento della tassa. Il candidato dovrà comunque presentare regolare domanda di iscrizione all’esame entro il termine di scadenza previsto.
    Eventuali altri casi eccezionali (diversi dalla malattia) devono essere sottoposti all’approvazione del CVCL dal Centro d’esame.

    1.10  Candidati portatori di handicap

    Il CVCL si impegna a garantire l’accesso agli esami a candidati portatori di handicap mettendo in atto procedure ed ogni possibile forma di ausilio al fine di consentire ai medesimi di sottoporsi agli esami. 
    Il Centro d’esame con candidati portatori di handicap è tenuto a darne comunicazione al CVCL contestualmente all’invio delle iscrizioni.

    Il CVCL fornisce ai propri Centri d’esame nel mondo delle linee guida e i riferimenti normativi italiani dai quali le medesime derivano. Nel dettaglio i riferimenti normativi sono: legge quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti del persone handicappate del 5 febbraio 1992 n. 104, legge del 28 gennaio 1997 n. 17 ad integrazione della precedente, ratifica del Governo Italiano (2009) della Convenzione ONU sui Diritti della disabilità (2007) e D.M. del 12 luglio 2011 “Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento (DSA)”. 
    Tali linee guida vengono fatte proprie dai Centri d’esame tenendo conto del contesto e di eventuali normative locali.

    Sono tre le tipologie di portatori di handicap individuate sulla base della casistica raccolta dal CVCL fino ad oggi. Di seguito si dà una sintesi delle procedure adottate per ognuna di esse per garantire l’accesso agli esami.  Per ogni handicap deve essere prodotto un certificato medico di una struttura pubblica che ne attesti la fondatezza e la gravità.

    Candidati non vedenti:
    Sulla base delle indicazioni fornite dall’Unione Italiana Ciechi di Perugia, il CVCL, in caso di segnalazione di candidati non vedenti, richiede al Centro d’esame interessato di mettere in atto le seguenti procedure:
    1) Un tutor specializzato deve accogliere e seguire il candidato non vedente la mattina degli esami, farsi carico di tutti gli adempimenti formali che precedono gli esami, seguirlo e accompagnarlo fino all’espletamento delle prove;
    2) il CVCL provvede all’invio di tutte le prove tradotte in braille che l’Unione Italiana Ciechi di Perugia fornisce previo pagamento per il servizio offerto;
    3) di tale servizio il CVCL si fa totalmente carico, senza che ciò comporti per il candidato un aumento delle tasse di iscrizione;
    4) per la prova di produzione orale un insegnante della commissione valutatrice legge le istruzioni per lo svolgimento dei compiti previsti, descrivendo eventuale materiale illustrativo o leggendo eventuale materiale scritto che servirà da input alla prova.

    Candidati sordastri:

    1) Un tutor specializzato deve accogliere e seguire il candidato la mattina degli esami senza fornire aiuto nello svolgimento delle prove scritte;
    2) per la prova di ascolto deve essere prevista un’aula dedicata con acustica adeguata e mezzi idonei per ottimizzare l’ascolto;
    3) per la prova di ascolto viene concesso al candidato di ascoltare fino ad un massimo di 4 volte i testi;
    4) se necessario, il tutor specializzato legge chiaramente e lentamente i testi per la prova di ascolto di fronte al candidato, in modo da permettere la lettura del labiale.

    Candidati dislessici:
    1) Un tutor specializzato deve accogliere e seguire il candidato la mattina degli esami;
    2) deve essere prevista un’aula dedicata;
    3) al candidato vengono concessi tempi aggiuntivi, ovvero raddoppiati, rispetto a quelli indicati nei singoli fascicoli per le singole componenti della prova scritta;
    4) anche la prova orale verrà svolta in un’aula separata  da una commissione dedicata e sempre alla presenza del tutor. Verrà concesso al candidato tutto il tempo necessario per lo svolgimento dei singoli compiti.

    Altre tipologie di handicap permanenti o temporanee vengono valutate caso per caso, con l'impegno da parte del CVCL di attivare ogni forma d'ausilio necessaria affinché l'accesso agli esami venga garantito ai candidati.


    1.11  Capitalizzazione

    Ogni esame CELI è considerato superato se il candidato ha raggiunto, tanto nella prova scritta quanto nella prova orale, il punteggio minimo stabilito.
    I candidati che non abbiano superato la prova scritta (costituita dall’insieme di: Comprensione della Lettura, Produzione Scritta, Competenza Linguistica -a partire dal CELI 3- e Comprensione dell’Ascolto) e che abbiano invece superato la prova orale o viceversa, possono capitalizzare per
    un anno il risultato parziale ottenuto, sottoponendosi di nuovo alla prova risultata insufficiente nel suddetto arco di tempo, pagando il 70% della tassa complessiva. 
    I candidati che si iscrivano ad un esame CELI e che sostengano solo una delle due parti dell’esame (scritta o orale) dovranno pagare una nuova iscrizione e ripetere l’esame per intero qualora non siano in grado di giustificare la loro assenza (v. punto 1.9) presentando adeguata documentazione.

    1.12  Comportamento dei candidati durante l’esame

    I candidati sono tenuti a rispettare alcune regole relative agli esami:

    - avere con sé un documento di identità valido
    - arrivare in orario
    - non portare nell’aula dell’esame telefoni cellulari, dizionari, libri, computer palmari, ecc
    - non disturbare in alcun modo gli altri candidati
    - non copiare dai vicini
    I responsabili della sorveglianza e gli esaminatori sono tenuti a garantirne il rispetto. Il Responsabile degli esami può annullare l’esame di candidati che reiterino un comportamento scorretto.

    Il CVCL si riserva comunque il diritto di annullare gli esami in casi di palese copiatura.

    1.13  Correzione e valutazione

    Parte Scritta

    Al termine degli esami scritti, i Centri d’esame devono rinviare, tempo 48 ore, gli elaborati dei candidati al CVCL. La correzione della parte scritta è centralizzata. Buona parte delle prove è corretta tramite un lettore ottico per evitare al massimo errori umani; è per questo che i candidati devono indicare le loro risposte negli appositi fogli delle risposte, usando una penna blu o nera con tratto visibile (v. punto 2.7).

    Le parti di produzione scritta vengono corrette e valutate a Perugia, secondo determinati criteri e scale di punteggi, da esaminatori esperti e preparati appositamente a questo lavoro. Gli esaminatori sono insegnanti di italiano L2, sono in genere diplomati presso la Scuola di Specializzazione in didattica dell’italiano L2 della stessa Università e sono stati selezionati dal personale del CVCL tramite un apposito concorso.

    Parte Orale

    Il formato della prova di produzione orale è un colloquio faccia a faccia fra un candidato e una commissione composta da due membri: un esaminatore e un interlocutore, quest’ultimo interagisce con il candidato.
    La parte di produzione orale viene valutata presso i Centri d’esami da esaminatori esperti e preparati a tale funzione tramite appositi seminari.
    Gli esaminatori sono in genere insegnanti di italiano L2 esperti e preparati a tale funzione durante appositi seminari organizzati annualmente dal CVCL sia a Perugia sia in loco.
    Ogni nuovo Centro d’esame, per essere accreditato a tale funzione, deve garantire la frequenza di propri esaminatori ad almeno uno dei seminari organizzati dal CVCL.
    Gli esaminatori devono essere di madre lingua italiana, laddove non sia possibile reperire esaminatori di madre lingua italiana, gli esaminatori devono essere in possesso di un titolo di studio universitario compatibile con l’attività che sono chiamati a svolgere, preferibilmente devono essere in possesso di una laurea in italianistica e/o di un master o specializzazione in insegnamento dell’italiano L2.
    Ogni esaminatore è tenuto a non esaminare eventuali propri studenti.

    1.14  Espressione dei risultati

    Il risultato finale è calcolato sommando i punteggi conseguiti nelle singole prove e viene comunicato trasformando il numero ottenuto in cinque gradi progressivi espressi da altrettante lettere dell’alfabeto. Tre sono i gradi che indicano il superamento dell’esame ed il conseguimento del certificato: A (ottimo) – B (buono) – C (sufficiente).
    I gradi D (insufficiente) ed E (gravemente insufficiente) indicano invece che l’esame non è stato superato.
    Per il CELI Impatto e per il CELI 1 il risultato finale viene comunicato come positivo o negativo.
    Il giudizio della commissione è insindacabile.

    Il CVCL declina ogni responsabilità per la mancata correzione dei fogli delle risposte non inseriti dal candidato nell’apposita busta.
    In tali casi il CVCL procede all’annullamento dell’esame sia scritto sia orale

     

    1.15  Comunicazione dei risultati

    Il CVCL provvede alla comunicazione dei risultati entro tre mesi dalla data degli esami.
    Ciascun candidato, nel rispetto assoluto della privacy, può accedere da casa o da qualsiasi Internet Point al proprio risultato direttamente dal sito web del CVCL, utilizzando il proprio numero di matricola e la password ricevuta dal CVCL e seguendo la procedura indicata. I risultati sono comunque disponibili anche presso i Centri d’esame, compresi i risultati parziali conseguiti nelle singole prove (Comprensione della Lettura, Produzione Scritta, Competenza Linguistica -a partire dal CELI 3, Comprensione dell’Ascolto, Produzione orale).

    1.16 Richieste di chiarimenti sui risultati

    Il CVCL, contestualmente al risultato complessivo, fornisce al Centro d’esame anche i risultati parziali conseguiti dai candidati nelle singole prove. 
    Dietro esplicita e motivata richiesta, il candidato ha il diritto di visionare i propri elaborati esclusivamente presso i locali del CVCL dell’Università per Stranieri di Perugia, previo appuntamento (Rif. L. n. 241/1990 e successive modificazioni, art. 22 e ss., D.P.R. n. 184/2006, D.Leg.vo 196/2003).

    1.17  Consegna dei certificati

    I certificati vengono rilasciati ed emessi dal CVCL dell’Università per Stranieri di Perugia.
    Il CVCL invia i certificati al Centro d’esame che provvede alla loro distribuzione.
    L’emissione del certificato conseguito presso Centri d’esame con sede in Italia richiede l’applicazione di una marca da bollo (del valore di € 16,00) che i Centri d’esame sono tenuti ad inviare al CVCL in numero pari al numero dei candidati che superano l’esame in ciascuna sessione organizzata.

    I candidati che prima di aver ricevuto il certificato, abbiano bisogno di un documento provvisorio che attesti il superamento dell’esame devono farne richiesta direttamente al CVCL dell’Università per Stranieri di Perugia.


categoria
Argomenti correlati
Argomenti correlatiargomenti correlati
argomenti correlati